Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
30/01/2002L’incisione e la tradizione della tossicitàKeith Howard
 
 L'incisione ha origini storiche risalenti a diversi secoli indietro. La maggior parte delle tecniche furono sviluppate secoli prima che i concetti di salute, sicurezza e coscienza ambientale fossero presi in considerazione… 
 
30/01/2002L’inchiostro a base di acqua per la stampa calcograficaNik Semenoff
 
 Tutte le innovazioni inerenti l'uso di prodotti atossici sono oggi ben accolte da coloro che si occupano di stampa e incisione. Negli ultimi dieci anni ho ridotto con successo l'uso di materiali tossici in litografia, serigrafia e incisione… 
 
30/01/2002L’olio da tavola al posto dei solventiKeith Howard
 
 Per iniziare a sbarazzarsi dei solventi a base di idrocarburi all'interno del laboratorio di stampa si può cominciare utilizzando un qualsiasi olio vegetale alimentare (olio di semi vari, olio di girasole, olio di mais..), il migliore… 
 
30/01/2002Il mordente BordeauxAd Stijnman
 
 In alcuni paesi il solfato di rame è usato contro la muffa, quello più economico è perfetto dato che la purezza non è in questo caso necessaria. Riempite una bacinella con acqua, indossate guanti di gomma e prelevate con attenzione un cucchia… 
 
30/01/2002Il VCA, un estere per pulire gli strumenti nel laboratorioAd Stijnman
 
 I solventi non volatili, promossi all'interno della Comunità Europea dal 1994, oltre a rimuovere gli inchiostri a base oleosa quando ancora fluidi e ammorbidirli se seccati, dissolvono qualsiasi cosa contenente olio, grasso, cera, vaselina come… 
 
Pagina 3 di 3     << Pagina precedente   -