Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
12.03.2003 La chimica del Mordente Bordeaux Cedric Green
 

La reazione del Mordente Bordeaux con lo zinco (vedi Incidere lastre di zinco con il solfato di rame su Printshow n.d.T.) è prevalentemente elettrochimica e i risultati sono simili a quelli dell'incisione elettro-galvanica.
Brevemente: lo zinco ha un maggiore potenziale di ionizzazione (Zn2+ = +0,76) rispetto al rame (Cu2+ = +0,34) ne consegue quindi che lo zinco rimpiazza gli ioni rameici del solfato di rame in soluzione (CuSO4), formando solfato di zinco (ZnSO4).

Se il deposito di rame rimane in contatto con lo zinco può accadere una reazione parallela, i metalli in contatto in una soluzione blandamente acida di solfato di rame formano una cella galvanica a circuito chiuso chiamata coppia zinco rame, che produce una piccola quantità di idrogeno che così rende la soluzione meno acida, e quindi più alcalina.

Mentre l'alcalinità sale e quindi il pH supera il valore 7, ci sarà una reazione tra lo zinco e gli ioni rameici che restituirà un ulteriore precipitato di idrossido di zinco e di rame. Questa reazione può essere sfruttata per creare una trama sulle aree di morsura aperta, ma come regola è bene togliere il deposito che si forma poiché ciò permette una morsura più uniforme oltre a prolungare la durata della soluzione.

Normalmente si forma un fine strato di idrossido nero aderente alle aree aperte incise che deve essere sciacquato via o si staccherà via con le prime prove. Le aree acidate avranno allora una fine trama cristallina, simile al galv-tone, che aiuta a trattenere l'inchiostro.

Lo smaltimento del mordente Bordeaux
Lo smaltimento può essere fatto in due modi: filtrando e salvando per intero la soluzione spenta per usarla come elettrolita per incidere con il metodo galvanico le lastre di zinco. Se invece non si pensa di utilizzarlo in questo senso o ce n'è troppo, allora la soluzione non deve essere gettata nello scarico poiché il solfato di zinco e i residui di solfato di rame rimarrebbero lì.

Per renderlo sicuro nello smaltimento si può aggiungere carbonato di sodio o idrossido di sodio per neutralizzarlo, fino a quando il valore del pH oscillerà tra 7.0 e 8.0, testandolo con una cartina tornasole.
Il rame e l'idrossido di zinco si depositeranno sotto forma di fanghiglia, aspettare che questi residui si depositino completamente dopodiché diluire ulteriormente la soluzione che potrà essere versata nello scarico.
Raccogliere il limo in buste di plastica e smaltire come richiesto dall'autorità locale.

Quando si neutralizzano questi residui fare attenzione a che non diventino troppo alcalini poiché gli idrossidi potrebbero essere ridissolti.

Se si sta incidendo una lastra di rame con il metodo galvanico e nel frattempo si sta usando una morsura Bordeaux, tenere il solfato di rame usato per questo scopo assolutamente separato da quello utilizzato per il metodo Bordeaux (che sarà più concentrato).

Non è pericoloso usare la soluzione sbagliata, ma una soluzione più diluita preparata per il bagno galvanico non inciderà in modo soddisfacente lo zinco, mentre una soluzione Bordeaux parzialmente spenta utilizzata per il bagno galvanico di una lastra di rame depositerà zinco sul catodo.

Cedric Green su Printshow