Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
Termini che iniziano per'c'
 
 
 
Cliché-verre:
 
Tecnica ideata da Fox Talbot nel 1839 per ottenere stampe positive di disegni a tratto. Sulla lastra di vetro veniva riportato il disegno a graffio con una punta sottilissima. Si otteneva così una matrice scura con tratti chiari che in seguito fungeva da negativo per un’esposizione fotografica. Il procedimento fu utilizzato da diversi artisti per i particolari effetti grafici che si potevano ottenere, in particolare da Corot, Delacroix e Millet.
 
 
 
CMYK:
 
Standard per indicare ciano, magenta, giallo e nero. Colori usati nella quadricromia delle stampe a getto d’inchiostro (inkjet e iris print).
 
 
 
Collagraph - Collografia:
 
La matrice è realizzata utilizzando carborundum e/o altri materiali incollati (tessuti, carte, nastri adesivi…), stampabile sia calcograficamente che a rilievo.
 
 
 
Collograph:
 
Termine utilizzato per descrivere l’adattamento ai processi di collotipia utilizzati da Henry Moore. Il disegno è fatto direttamente su acetato al fine di realizzare lastre in collotipia.
 
 
 
Collotipo:
 
Uno dei primi procedimenti fotomeccanici che utilizza uno strato di gelatina bicromata su vetro.
 
 
 
Colofonia:
 
Usata nell’acquatinta, è il residuo solido che si ottiene con la distillazione della trementina di pino di specie diverse. Il tipo usato per l’incisione è di colore giallo chiaro (la più fine), trasparente e traslucida, dall'odore resinoso, facilmente polverizzabile. Si scioglie a circa 70°; completamente solubile nell'alcool, etere, acetone, essenza di trementina ecc..
 
 
 
Colophon:
 
Dal greco kolophon che vuol dire termine, compimento, estremità. Di solito con questo termine si indica un foglio, appartenente ad una cartella di incisioni, che contiene il titolo dell'opera, il nome dell'autore, dello stampatore, la tiratura, il tipo di carta, l'indicazione del luogo di edizione e la data di pubblicazione.
 
 
 
Controstampa:
 
Esemplare ottenuto dalla pressione su una stampa ancora fresca di inchiostro, l’immagine appare quindi rovesciata rispetto alla stampa ottenuta direttamente dalla matrice. Come metodo può essere usato per preparare altre lastre da incidere partendo dalla prima lastra guida già completata, in un lavoro a più colori.
 
 
 
Corpus incisorio:
 
Tutte le opere incise dal medesimo artista.
 
 
 
Crible':
 
Fitta puntinatura prodotta da strumenti che rende il fondo della lastra da stampa simile ad un setaccio. Praticata nel ‘500 dal Campagnola fu perfezionata da Bartolozzi e Ryland.
 
 
 
Pagina 2 di 2      << Pagina precedente   -