Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
20.02.2009 Grapheion e il futuro della stampa d'arte Chiara Giorgetti
 

La nota rivista ceca dedicata alla stampa d'arte contemporanea, ai libri e alle opere su carta Grapheion, dedica il numero 21 all'identità della stampa d'arte e al suo futuro. Le problematiche connesse agli sviluppi della grafica d'arte sono quanto mai attuali proprio nel momento in cui la grafica riconquista l'attenzione del grande pubblico anche nelle mostre italiane e con proprie Scuole all'interno dei Dipartimenti di Arti Visive nelle Accademie di Belle Arti.
Il progetto contenuto all'interno di Grapheion, dal titolo Memory of the Future è curato da Richard Noyce, esperto di grafica d'arte contemporanea già autore del volume 'Printmaking at the Edge'1 e noto alla scena internazionale dell'arte oltre che come curatore di mostre anche per la sua presenza in molte giurie internazionali di premi per la grafica d'arte e come relatore nei più importanti simposi e conferenze (p.e. Impact 5, Tallinn, Printing arts as a field of investigation, Vienna tra le altre, vedi).

Dal 1985 Noyce collabora attivamente con svariate riviste d'arte visiva inglesi e non solo. Uno dei prossimi appuntamenti in cui poterlo incontrare è nel mese di marzo a Chicago per The 2009 Southern Graphics Council Conference.

Noyce ha invitato 46 artisti, provenienti da 22 paesi diversi, ad una riflessione sul futuro della grafica stimolando il loro contributo con la domanda " Sopravviverà la stampa fino al 2028, e se sì come sarà?"

L'idea di indagare l'opinione degli artisti sul futuro di questa disciplina è nata considerando come un genere letterario come quello della fantascienza possa, forse più di altri, stimolare scrittori e lettori verso considerazioni che vanno ben oltre la scienza e la tecnologia, ma investono anche settori come quello della religione, della filosofia, della politica, dell'ambiente fino alle relazioni umane.

"Dal 19º secolo gli scrittori - dice Noyce, appassionato di cinema e letteratura fantascientifica - hanno esplorato tutte le possibili forme di mondi futuri, sia utopistici che distopici2 , non solo per creare quello che nei primi anni del 20º secolo venne chiamato 'a cracking good yarn' , ma anche per commentare, spesso satiricamente o ironicamente, la società e il mondo contemporaneo. Scrittori come Mary Shelley, Jules Verne e H.G. Wells prepararono il terreno per scrittori come Aldous Huxley, George Orwell, Stanislaw Lem, Philip K. Dick e Isaac Asimov e molti altri.
… Circondati dagli orrori e dai problemi del mondo che ci arrivano 24 ore al giorno dalle tv via satellite non c'è da meravigliarsi che tentiamo di rifugiarci in attività di evasione e mondi immaginari, libri di fantascienza, fumetti e film così come nelle storie fantastiche di J.R.R. Tolkien e J. K. Rowling."3

Questo lavoro realizzato per Grapheion è il risultato degli incontri avuti negli ultimi tre anni durante conferenze e mostre in varie parti del mondo, dialoghi e conversazioni avute con gli artisti e le persone che ruotano nella sfera della grafica d'arte. Temi ricorrenti: l'interrogarsi sui confini mobili della stampa, la necessità di far stare al passo le arti visive, e specialmente la grafica, in un mondo dove tutto cambia velocemente. Da qui il bisogno di poter in qualche modo vedere il futuro della stampa d'arte, ma chiaramente più in generale quello dell'arte.

Il risultato è un originale assemblaggio di testi e immagini, un fluire di parole che mette bene in evidenza quanto la scena contemporanea degli artisti che si occupano di stampa d'arte sia variegata e attenta in ogni zona del mondo. Dalla Corea, al Galles, dalla Nuova Zelanda all'Austria, in Polonia e Svezia, Spagna, India, Estonia e molti altri paesi, ciascun artista invitato ha espresso il suo personale punto di vista con autenticità e sincero interesse per l'argomento. Ognuno ha raccontato la propria visione del futuro avvalendosi di immagini, grafici, considerazioni accademiche, vignette o recensioni di mostre immaginarie. Visioni satiriche e realistiche, filosofiche o divertenti storielle a discapito di chi forse ancora oggi ritiene che gli artisti non siano in grado di cogliere con la scrittura l'essenza delle cose.

  1. 'Printmaking at the Edge', A&C Black, London 2006
  2. N.d.A. Distopia su Wikipedia
  3. Memory of the Future. Grapheion 21, pag.30

GRAPHEION No. 21
INTERNATIONAL REVIEW OF CONTEMPORARY PRINTS, BOOK AND PAPER ART

YEARBOOK 2008
TWENTY FIRST ISSUE
Published by the Central European Gallery and Publishing House Ltd.
Melantrichova 5, 110 00 Prague 1
Czech Republic
editors:Simeona Hošková (editor-in-chief),Kveta Otcovská, Hana Aulická,Martina Pešková

 
visualizza l'immagine grande