Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
07.12.2007 Candida H÷fer. Bologna Series Redazione
 

La mostra Ŕ a cura di Ludovico Pratesi e realizzata in collaborazione con la Galleria Marabini di Bologna. Ospitata nei suggestivi spazi dell'ex chiesa del Suffragio - Centro Arti Visive Pescheria, riunisce cinque immagini di grande formato scattate dall'artista tedesca nel 2006 nella cittÓ di Bologna, dove ha fotografato i soggetti tipici della sua ricerca come gli interni di teatri, musei e biblioteche, privi della presenza umana.

Nel capoluogo emiliano, l'attenzione di Candida H÷fer si Ŕ rivolta ai luoghi legati alla vita culturale di Bologna - scelta in quanto sede della pi¨ antica universitÓ d'Europa - che sono stati fotografati deserti e illuminati dalla luce naturale del giorno.
In particolare, a Pesaro, sono esposte le immagini del Teatro Comunale, del Teatrino Anatomico e del piccolo teatrino di Villa Mazzacurati.
L'appuntamento marchigiano Ŕ un ideale completamento dell'iniziativa attualmente in corso alla Galleria Marabini di Bologna dove sono esposte altre sette immagini della medesima serie, relative alla Biblioteca di Palazzo Poggi e alla Biblioteca dell'Archiginnasio.
"Ognuno di questi spazi - dichiara Candida H÷fer - possiede la propria memoria personale". Attraverso le sue particolari inquadrature, questi luoghi acquisiscono un'anima propria e una dimensione metafisica, che si svincola da quella istituzionale del soggetto. Proprio come Ŕ successo per il Louvre, fotografato in occasione della mostra Candida H÷fer Louvre - conclusa lo scorso gennaio nella sala della Maquette del museo francese. Numerose sono le istituzioni museali che hanno acquisito all'interno delle proprie collezioni permanenti lavori fotografici di Candida H÷fer, tra i quali, il Centre Pompidou di Parigi, il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid; la Kunsthalle di Basilea, il Moma di New York; il San Francisco Museum of Modern Art.

Candida H÷fer indaga con stile documentario luoghi di incontro e di riunione in condizione di totale assenza dell'uomo. Per quanto forme e strutture esaminate si somiglino, nessun luogo Ŕ per˛ mai uguale all'altro. Il piacere dell'archiviare ambienti e situazioni crea infatti una nuova organizzazione dello spazio che si dimostra sempre variegata nei raffinati scatti fotografici dell'artista. I suoi lavori non vogliono mostrare la realtÓ oggettiva ma situazioni, superfici, atmosfere e oscillano tra l'inventario e la rappresentazione, tra il concetto e l'utilizzo pratico.
Nonostante le immagini siano fondate su vuoti assoluti e luminosi, il grande protagonista dell'opera di Candida H÷fer rimane per˛ sempre l'uomo, come abitante e artefice primo di spazi, ambienti e interni che rivelano indizi della sua presenza e della sua essenza, del suo vivere sociale e anche politico.

In occasione delle due mostre viene pubblicato un catalogo, edito da Hopefulmonster, con testi critici di Ludovico Pratesi, di Filippo Maggia e un'intervista all'artista.

Note biografiche
Candida H÷fer (1944, Eberswalde), con Thomas Struth, Thomas Ruff, Andreas Gursky e Axel Hutte, figura tra gli artisti pi¨ importanti nell'ambito della fotografia tedesca contemporanea, meglio nota come "la scuola di DŘsseldorf". Dal 1975 comincia un percorso artistico che la vede partecipare a diverse esposizioni internazionali, come la Documenta a Kassel nel 2002 e la Biennale di Venezia nel 2003, dove espone le sue opere nel Padiglione della Germania.

Sull'artista
www.artnet.com
www.duetart.com
www.undo.net

Pesaro, Centro Arti Visive Pescheria - ex chiesa del Suffragio (corso XI settembre, 184)
Fino al 13 gennaio 2008
orario: da martedý a domenica, 17,30 - 19,30; chiuso lunedý.
Ingresso libero

Catalogo: Hopefulmonster

Per informazioni: tel. 0721 387651; fax 0721 387652
www.centroartivisivepescheria.it

 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande