Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
09.10.2006 Polly Apfelbaum: portfolio Chiara Giorgetti
 

Presso la galleria Barbara Krakow di Boston fino al 18 ottobre è visibile la mostra di Polly Apfelbaum dal titolo Flags of Revolt and Defiance. Si tratta di un portfolio comprendente 31 serigrafie a colori ciascuna con tiratura 27 esemplari, firmate a matita dall'artista, più il colophon, in una scatola-contenitore. Editore e stampatore è LeRoy Neiman Center for Print Studies, Columbia University, New York.

La galleria Barbara Krakow apre nel 1964 con una mostra di stampe di Ellsworth Kelly. Inizialmente l'attività della galleria è concentrata esclusivamente sulla stampa d'arte contemporanea, in seguito inizia ad occuparsi anche di disegni, fotografie, quadri e sculture di artisti nazionali e internazionali. Durante questi anni la galleria ha pubblicato il catalogo ragionato delle stampe di Kiki Smith, Elizabeth Murray e Susan Rothenburg, oltre a curare retrospettive sull'attività di artisti come Terry Winters. Artisti rappresentati dalla galleria sono, tra gli altri, Christian Boltanski , Sophie Calle, Dan Flavin , Julian Opie, Robert Mangold, Brice Marden, Robert Rauschenberg, Chuck Close, Lorna Simpson, Agnes Martin, Jenny Holzer, Donald Judd. Negli ultimi tre anni la galleria porta avanti un programma denominato Print Publisher Spotlight che evidenzia le nuove pubblicazioni curate dai maggiori editori della stampa.

Di questo programma fa parte il portfolio di Apfelbaum. Flags of Revolt and Defiance è collegato al progetto realizzato dall'artista per la Biennale di Lodz in Polonia nel 2004. Condizione essenziale per la partecipazione a questa biennale era il fatto di realizzare il lavoro a Lodz nelle due settimane che precedevano l'apertura della biennale. Il lavoro sviluppato da Apfelbaum in questa occasione ben si collega alla struttura dell'edificio, un ex-complesso industriale, e alla filosofia che sta alla base dell'International Artists' Museum di Lodz . Le immagini simbolo, realizzate in serigrafia (la produzione seriale), sono sagome che ricordano fiori stilizzati con colori accesi, colori che rimandano però non alla natura ma ai colori simbolo della bandiera di gruppi di attivisti e rivoluzionari i cui intenti sono o sono stati quelli di cambiare lo status politico, sociale, culturale ed economico delle organizzazioni coloniali, nazionali e/o sociali.

Apfelbaum (n.1956) è da sempre interessata alla relatività del tempo, alle questioni femministe e alla complessità che si cela dietro un'apparente semplicità. Laureata alla Tyler School of Art della Temple University ha esposto a partire dagli anni '80 in molti musei e gallerie, tra questi: il Bowdoin College Museum of Art, Maine, Institute of Contemporary Art, Philadelphia, Kiasma, Helsinki e al Museum of Contemporary Art di Chicago, è oggi considerata una delle artiste più autorevoli della scena artistica internazionale.

Le immagini per Flags of Revolt and Defiance sono state prese da The World Encyclopedia of Flags di Alfred Znamierowski. Le note che seguono, a commento di ciascun titolo, sono parte di un testo realizzato da un curatore di stampe d'arte statunitense, queste note, riguardanti partiti e gruppi, non sono però complete. La complessità dei diversi movimenti e gruppi nell'Africa post-coloniale richiede ancora molto tempo per poter realizzare uno schema preciso, soprattutto per ciò che riguarda il Mozambico e l'Etiopia. Egli sostiene che "le complessità della storia non possono essere semplificate. ..e per una maggiore comprensione delle molte organizzazioni associate con nazioni e colonie africane deve essere fatto ancora molto lavoro". Lavoro che, egli suggerisce, dovrebbe essere fatto anche sulle diverse insurrezioni della metà del XIX secolo in Polonia e nella Spagna degli anni '30.


Di seguito i titoli delle immagini contenuti nella cartella Flags of Revolt and Defiance e alcune note alle stesse
  • Anarchists
  • Anarchosyndalists
  • The Black Panthers
  • Eritrean People's Liberation Front
  • The Eureka Stockade
  • FNLA [Frente Nacional para a Libertação de Angola]
  • FRELIMO [Frente de Libertação de Moçambique]
  • The Rainbow Flag
  • Advocates of German Unification
  • The Hungarian Uprising
  • The Jolly Roger
  • The Kurdistan Worker's Party
  • Mars
  • Monarchists
  • MPLA (Moviemento Popular de Libertação de Angola)
  • NOW
  • Federal Republic of Padania
  • Polish peasant insurrection
  • RENAMO (Resistência Nacional Moçambicana)
  • Romanian uprising (1989)
  • Sandinistas
  • Socialists
  • Solidarnosc
  • The Sons of Liberty
  • SWAPO (South West African Peoples Organization)
  • The Tigre Liberation Front [Tigre People's Liberation Front]
  • UNITA (União Nacional para a Independência Total de Angola)
  • Vietcong
  • Western Solia Liberation Front
  • Yippies
  • Buck Fush
Title Page.
Medium: serigrafia a colori.
Firma: "Polly Apfelbaum 06 " a matita, angolo in basso a destra.

Anarchists. Anarchici
Medium: serigrafia stampata con inchiostro nero.
Nota: il nero è il colore tradizionalmente usato per distintivi, bandiere e altri simboli anarchici.

Anarcho-syndicalists. Anarco-sindacalisti
Medium: serigrafia stampata con inchiostro nero e rosso.
Nota: La disposizione in diagonale di nero e rosso è presa dalla bandiera generalmente associata al CNT-FAI [ Confederación Nacional del Trabajo-Federación Anarquista Ibéria ] confederazione attiva a sostegno del governo repubblicano della Spagna durante la guerra civile spagnola, 1936-39. CNT-FAI era l'unione di due gruppi di anarco-sindacalisti attivi in Catalogna, in particolare a Barcellona, centro industriale, commerciale e culturale della regione. Come il rivale ed alleato, PUOM [ Partido Oberero de Unificatión Marxista ] entrambi i gruppi furono obiettivi segreti di Stalin e l'URSS per la loro aderenza ad un'interpretazione marxista non sostenuta da Stalin ed il Cremlino - PUOM per la relativa propensione di anti-Stalinista; CNT _FAI poiché dedita ad un anarchismo ed ad un'interpretazione trotskista del marxismo.

The Black Panthers. Le pantere nere.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro nero e bianco.
Nota: The Black Panther Party, in origine chiamato Black Panther Party for Self Defense, fu la manifestazione della visione socio-politica di Huey P. Newton. Il partito si formò durante un congresso a Oakland nell'autunno del 1966 con tanto di dichiarazione di intenti; programma e una piattaforma di dieci punti, per le rimostranze delle comunità nere dell'America. Dopo una decade di conflitti interni, morti violente, sentenze penali, bersagliato dal FBI e dalla polizia di stato della California, il partito cessa effettivamente la sua esistenza negli anni '70.

Eritrean People's Liberation Front. Fronte di liberazione del popolo eritreo.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro giallo, rosso, verde e blu ceruleo.
Nota: nel 1952 l'Etiopia si unisce all'Eritrea come regione autonoma; ma, dal1958 si stava formando un movimento per la secessione con la formazione dell'Eritrean Liberation Front [ELF]. Il Fronte di liberazione del popolo eritreo [ EPLF ] arriva alla rottura con l' ELF nel 1970 che controlla gran parte della zona di Eritrea. L' EPLA emerge come il principale gruppo di guerriglia in Eritrea. Dopo che il sostegno sovietico al governo socialista in Etiopia viene meno negli anni ottanta, l'ELPF stringe alleanze con altri gruppi di guerriglia in Etiopia. Nel maggio 1991 questi gruppi, uniti, prenderanno Addis Abeba. L' EPLF formerà un governo separatista in Eritrea, e dopo un referendum delle Nazioni Unite nel 1993 dichiarerà l'indipendenza dell'Eritrea.

The Eureka Stockade.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco e blu oltremare.
Nota: Questa bandiera è nota anche come la croce del Sud.

FNLA [Frente Nacional para a Libertação de Angola].
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco, giallo e rosso.
Nota: Il Frente Nacional para a Libertação de Angola, uno dei tre movimenti di guerriglia marxista attivi nei combattimenti in Angola per l'indipendenza dal Portogallo.

FRELIMO [Frente de Libertação de Moçambique].
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco, giallo, rosso, nero e verde.
Nota: FRELIMO movimento di liberazione protagonista vittorioso della guerra di decolonizzazione del Paese dal Portogallo, conclusasi nel 1975. . Apfelbaum utilizza la bandiera del Mozambico in questo lavoro, tuttavia questa è basata sulla bandiera originale del FRELIMO, la bandiera nazionale ha strisce orizzontali più sottili.

The Rainbow Flag. Bandiera arcobaleno.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, giallo, arancio, verde, viola e blu oltremare.
Nota: Conosciuta anche come "Gay Pride Flag". La bandiera fu disegnata nel 1978 da Gilbert Baker di San Francisco.

Advocates of German Unification. Sostenitori dell'unificazione tedesca.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro giallo-arancio, rosso e nero.
Nota: il testo sulla striscia rossa "Deutschlands Wiedergeburt" rappresenta il grido per un'unificazione dei vari principati, ducati e altri stati in una nazione democratica. La bandiera scelta da Apfelbaum comparve ad un festival nazionale a Hambach in 1832. Quaranta anni dopo, le regioni tedesche furono unite sotto la monarchia prussiana. La bandiera tedesca attuale è basata sulle tre strisce di questa bandiera del 1832.

The Hungarian Uprising. L'insurrezione ungherese
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco, rosso, verde e grigio.
Nota: Durante l'insurrezione ungherese del 1956, gli oppositori della Repubblica Ungherese Comunista [ 1949-1956 ], tagliarono via "le braccia comuniste" dal centro della bandiera nazionale. Questa nuova bandiera si distingue essenzialmente per il grande foro al centro.

The Jolly Roger.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco e nero.
Nota: La bandiera tradizionale dei pirati americani ed europei, raffigurata come un teschio bianco sovrastante due ossa incrociate in campo nero.

The Kurdistan Worker's Party. Partito dei lavoratori curdi
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, verde e giallo.
Nota: Bandiera del Eniya Rizgariya Netewa Kurdistan [ERNK]. L'ERNK era un'organizzazione militare vicina al PKK [Partiya Karkeren Kurdistan, or Kurdish Workers Party], fondata nel 1985 and scioltasi nel 2000.

Mars. Marte
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco e rosso.
Nota: Il simbolo astrologico di Marte è composto da scudo e lancia, oggi viene letto anche come simbolo del genere maschile.

Monarchists. Monarchici
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco.
Nota: Il bianco è tradizionalmente il colore dei partiti monarchici.

MPLA (Moviemento Popular de Libertação de Angola).
Medium: serigrafia stampata con inchiostro giallo, rosso e nero.
Nota: Il Moviemento Popular de Libertação de Moçambique [MPLA], fondato nel 1956 come partito marxista, iniziò l'opposizione armata contro l'amministrazione portoghese in Mozambico nel 1963.. Fin dall'indipendenza dal Portogallo nel 1975 il MLPA ha controllato il governo del paese. L'opposizione principale del partito è stata UNITA precedentemente appoggiata dagli Stati Uniti e Sud Africa negli anni ottanta.

NOW.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco e nero.
Nota: Il pugno all'interno del simbolo di Venere/femminile fu il primo emblema di NOW, National Organization for Women, fondata negli anni sessanta [1966]. Questo emblema è stato sostituito sull'intestazione dell'organizzazione e nel sito. L'uso del bianco per l'emblema su uno sfondo "anarchico" nero è indicativo dell'attivismo dei primi anni di NOW.

Federal Republic of Padania. Repubblica federale padana
Medium: serigrafia stampata con inchiostro bianco e verde.
Nota: il riferimento è chiaro.

Polish Peasant insurrection. Insurrezione agricola polacca
Medium: serigrafia stampata con inchiostro oro, rosso, giallo, nero verde chiaro e verde scuro.
Nota: Il testo che compare al di sopra della croce e corona cita "ZYWIA Y BRONIA" traduzione: cibo e braccia.

RENAMO (Resistência Nacional Moçambicana). Resistenza Nazionale del Mozambico
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, bianco, giallo, nero e blu oltremare.
Nota: Il movimento della Renamo sostenuto dai regimi razzisti bianchi dei paesi vicini della Rhodesia (poi Zimbabwe) e del Sudafrica, scatenò una violenta guerriglia contro il governo, il gruppo ribelle scatena contro il Frelimo una guerra civile conclusasi solo nel 1992.

Romanian uprising (1989).
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, bianco, giallo e blu ceruleo.
Nota: come la bandiera del Hungarian Uprising del 1956, questa bandiera ha, dal 1989, un vuoto al centro. Gli emblemi comunisti furono tagliati, dopo la caduta della dittatura di Ceausescu, questa bandiera divenne la bandiera ufficiale della Romania.

Sandinistas.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso e nero.
Nota: Frente Sandinista de Liberación Nacional. Questo partito rivoluzionario prese il nome da Augusto Sandino, leader combattente della guerriglia contro il controllo del governo e del territorio del Nicaragua da parte della famiglia Somoza.

Socialists. Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso.
Nota: Il rosso è il colore tradizionale dei partiti e organizzazioni socialiste.

Solidarnosc.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso e bianco.
Note: Il sindacato, Niezalézny sa Morzadny Zwiazek Zawodowy "Solidarnosc" guidato da Lech Walesz arrivò alla ribalta del mondo con gli scioperi dei cantieri navali di Gdansk. Tutto questo portò alla caduta del governo comunista in Polonia.

The Sons of Liberty. Figli della libertà
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso e bianco.
Note: le strisce alternate bianche e rosse rappresentano le nove colonie americane che inviarono rappresentanti al "Stamp Act Congress" nell'ottobre 1765. Forse la protesta più famosa associate ai Sons of Liberty fu il Boston Tea Party del 16 December 1773.

SWAPO (South West African Peoples Organization).
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, verde e blu oltremare.
Nota: SWAPO era attivo nell'opposizione politica dell'amministrazione Union of South Africa della precedente colonia tedesca del South West Africa. Ora è lo stato della Namibia. Durante il periodo dell'apartheid fu la controparte namibiana dell'ANC in Sud Africa.

The Tigre Liberation Front [Tigre People's Liberation Front].
Medium: serigrafia stampata con inchiostro giallo e rosso.
Nota: come Eritrean People Liberations Front il Tigre People's Liberation Front aveva il fine di separare la provincia di Tigre dall'Etiopia post-monarchica.

UNITA (União Nacional para a Independência Total de Angola).
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, verde e nero.
Nota: UNITA è il terzo di tre movimenti di guerriglia marxista attivi in Angola per combattere la dominazione portoghese. I tre gruppi combatterono anche tra loro FNLA ("f") e MPLA ("o"). UNITA enfatizzava I diritti etnici e rurali in opposizione al marxismo urbano degli altri due. Gli Stati Uniti, e soprattutto la CIA, consideravano UNITA il gruppo più radicale UNITA ha continuato la guerra civile contro il governo dell'Angola del partito di MPLA.

Vietcong.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro giallo, rosso e blu ceruleo.
Nota: Fronte di liberazione nazionale del Vietnam del Sud.

Western Somalia Liberation Front.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso e blu cobalto.
Nota: un altro gruppo di separatisti attivo nell'Etiopia post-monarchica.

Yippies.
Medium: serigrafia stampata con inchiostro rosso, verde e nero.
Nota: Yippie, conosciuti anche come Youth International Party. Guidati da Abby Hoffman e Jerry Rubin alla fine degli anni '60, gli Yippie furono attivi nelle università e nelle enclave alternative fino alla fine degli anni '70. La foglia di marijuana è il simbolo del gruppo.

Buck Fush.
Medium: serigrafia stampata in bianco e nero.
Nota: il riferimento è chiaro.


Galleria Barbara Krakow

 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande