Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
 
 
06.10.2008 Il filo rosso del contemporaneo Dario Mazzoni
 

Dal 4 ottobre, per la prima volta anche a Ferrara, la quarta edizione della Giornata del Contemporaneo, evento promosso dall'Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani (AMACI) dedicato all'arte del nostro tempo e al suo pubblico. Punto di partenza della manifestazione ferrarese è la sinergia creatasi tra alcune delle realtà più dinamiche nella promozione del contemporaneo presenti in città, che partecipano all'evento unite nell'intento di allargare il numero dei fruitori di arte contemporanea a Ferrara.
Il titolo della manifestazione, Fil Rouge sottolinea simbolicamente non solo il tema comune, ovvero l'uso del filo, del ricamo e del cucito nell'arte contemporanea internazionale, ma anche lo stretto legame tra i quattro spazi espositivi: l'Associazione St.Art. 47 diretta da Nedda Bonini (Via Cittadella 45/47), l'Atelier Le Chat Noir (evento a cura di Silvia Meneghini), Via Garibaldi 39/A, la Galleria del Carbone diretta da Paolo Volta (via del Carbone 18a) e la MLB Maria Livia Brunelli home gallery diretta da Maria Livia Brunelli (Corso Ercole I d'Este 3).

Pubblichiamo volentieri il testo di presentazione dell'iniziativa all'Associazione St.Art 47 di Dario Mazzoni.
"Sospesi ad un filo" è un modo di dire che implica, oltre alla criticità di una situazione non propriamente stabile, anche la natura "salvifica" del Filo in questione. E se questo filo avesse a che fare con l'arte del ricamo e del cucito? E se con questo filo potessimo intrecciare trame e orditi di un tessuto/racconto? Raccontare - magari attraverso la completezza di un libro d'artista, che rende più corpose e palpabili tali trame - è già di per sé pratica "salvifica", perchè produrre opere d'arte significa portare alla luce interiorità che altrimenti marcirebbero nel profondo.
Così, il luogo quotidiano rivisitato di Marina Gasparini, con un riuscito e per nulla forzato amalgama tra immagini e parole (con le parole che vanno a "significare" gli oggetti, amplificando l'architettura dei luoghi), può correlarsi senza frizioni al mondo più ideale - costruito intorno a quelle che l'autore, con pertinenza, chiama ideofanie - di Maurizio Osti, per il quale fondamentale è la Viriditas, l'energia vitale scaturigine di ogni processo creativo.
Nello stesso modo i ricami e gli orditi di Loretta Cappanera, uniti per originare un racconto, una tranche de vie che lotta per non consumarsi nel tempo e che vuol farsi spazio nello spazio, non sono così distanti dal Pettine o "il filo dei giorni" (ogni nodo viene al pettine e sbrogliare un nodo significa liberare un racconto) o dai paesaggi - anche dell'anima - di Cinzia Calzolari.
Poi i segni/parole ricamati sulle pagine del libro d'artista di Maria Lai vanno a conchiudere il discorso, la trama, l'intreccio. Segni/parole che sono lì ma che NOI potremmo portare altrove. Dentro quei segni/parole va da sé che ci si può perdere e confondere: ma chi l'ha detto che la certezza è condizione privilegiata da ricercare ossessivamente?
Esiste il FILO dell'orizzonte ("Il filo dell'Orizzonte" è anche il titolo di un libro di Antonio Tabucchi), quello che noi tutti spesso abbiamo osservato e su cui abbiamo divagato mentalmente. Ecco, il compito dell'artista è spostare quel filo, adagiarlo delicatamente più in là, perché altro si possa vedere, perché di più si possa raccontare.

Gli artisti che partecipano all'evento, alcuni dei quali notissimi a livello internazionale, lavorano da tempo con il ricamo e il cucito, mezzi espressivi sempre più ricorrenti nell'arte contemporanea per le infinite possibilità di sperimentazione e sempre più lontani dalla sfera tipicamente femminile e domestica. Sebbene il tema comune sia sviluppato dagli artisti secondo punti di vista differenti e attraverso l'utilizzo di vari materiali e tecniche, le opere in mostra testimoniano il desiderio comune di recuperare una manualità spesso sacrificata da una società tecnologica e virtuale.

Tra le opere in mostra nelle quattro sedi, gli evocativi frammenti di memorie di Cinzia Calzolari, i libri d'artista di Loretta Cappanera, gli scritti evocativi di Maria Lai, le esplorazioni del quotidiano di Marina Gasparini, l'energia alchemica delle opere di Maurizio Osti. Gli intriganti abiti d'artista di Juan Caro e Fabio Sasso; le morbide cartografie di Nedda Bonini, il cartiglio di tessuto di Annalisa Cattani, i cleenex cifrati di Dragoni-Russo, le esplorazioni corporee di Antonella Guidi, le pagine di My Space di Chiara Intropido, la ricostruzione d'identità di Adriana Torregrossa. E ancora, gli abiti modificati dagli artisti del collettivo Airswap, il sutra metallico di Arianna Callegaro, i fili rossi di Letizia Cariello, le provocatorie bambole cucite con tratti infantili di Erika Latini, le adolescenti autolesioniste di Ilaria Margutti, le mappe di città di Anila Rubiku, i materassi ricamati a forma di rosa di Ketty Tagliatti.

ST.ART.47: Maria Lai, Cinzia Calzolari, Loretta Cappanera, Marina Gasparini, Maurizio Osti;

Atelier Le Chat Noir: Fabio Sasso e Juan Caro;

Galleria del Carbone: Nedda Bonini, Annalisa Cattani, Dragoni-Russo, Antonella Guidi, Chiara Intropido, Adriana Torregrossa;

MLB home gallery: Airswap, Arianna Callegaro, Letizia Cariello, Erika Latini, Ilaria Margutti, Anila Rubiku, Ketty Tagliatti

fino al 28 ottobre; dal 1 al 23 novembre le mostre saranno trasferite presso la Rocca di Cento (Ferrara).

A cura di: Nedda Bonini, Silvia Meneghini, Paolo Volta e Massimo Marchetti, Maria Livia Brunelli e Benedetta Bodo.

Catalogo con testi di: Maria Livia Brunelli, Massimo Marchetti, Dario Mazzoni, Silvia Meneghini. Edizioni Nuovecarte (info@nuovecarte.net - www.nuovecarte.net)

Orari:
ST.ART.47: 16.30 - 19.30, chiuso il giovedì, oppure previo appuntamento (338.9161984) fino al 18.10
Atelier le Chat Noir: aperto solo il 4 ottobre dalle 17 alle 19.30
Galleria del Carbone: da lunedì a venerdì 17-20, sabato e festivi 11-12.30 e 17-20 (393.9546489) fino al 12.10
MLB Maria Livia Brunelli home gallery: 16-20 su appuntamento (346.7953757) fino al 28.10

Ingressi gratuiti


Informazioni:

St.Art.47
Nedda Bonini
Loretta Cappanera
MLB Maria Livia Brunelli home gallery

 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande
 
 
visualizza l'immagine grande